Bitcoin

Bitcoin e millenni: Come gli imprenditori indiani di crittografia hanno battuto il sistema

Veröffentlicht

L’invio di denaro in India in forma gettonata, evitando così ingenti spese bancarie, sta diventando un’opzione. Foto: Reuters

Con la criptovaluta veloce che sta emergendo come bene alternativo della generazione del Millennio in India, è difficile immaginare che solo due anni fa un paio di pionieri della catena di blocco sono stati brevemente in custodia della polizia.

Sathvik Vishwanath e Harish BV, cofondatori di una startup di allora di cinque anni, sono stati arrestati alla fine del 2018. No, non avevano tirato fuori una losca offerta iniziale di monete. Il loro „crimine“ è stato quello di aver messo un chiosco in un centro commerciale a Bangalore dove i clienti potevano scambiare Bitcoin, Ether o Ripple con denaro contante o viceversa. Questo era lo scopo di Unocoin, il loro scambio di gettoni criptati. Ma la polizia sospettava del nuovo „bancomat“.

Da allora sono cambiate molte cose. La Unocoin, che ha appena raccolto finanziamenti dalla Tesla Inc.-backer Tim Draper’s Draper Associates, è fiorente, insieme ad altre iniziative indiane di blockchain. La quota dell’India nel commercio di valuta virtuale da persona a persona in Asia è salita al 33%, la stessa che in Cina, secondo l’analisi dei volumi di Paxful e LocalBitcoins, le più grandi piattaforme per le transazioni nella regione, effettuata dalla Arcane Research di Oslo.

Una parte di questo è senza dubbio dovuta all’aumento delle bollicine di quest’anno in Bitcoin, che recentemente è arrivato a meno di 100 dollari dal suo massimo storico, dopo aver superato i 19.000 dollari per la prima volta dal 2017. Anche dopo l’oscillazione di giovedì, quest’anno i prezzi sono più che raddoppiati.

Ma sono in gioco anche fattori fondamentali.

L’invio di denaro in India in forma gettonata, evitando così ingenti spese bancarie, sta diventando un’opzione. Alcuni clienti degli scambi di beni digitali, probabilmente freelance esperti di tecnologia, ricevono gettoni a intervalli regolari come pagamento per il loro lavoro e li convertono in rupie attraverso i loro conti bancari locali. Le famiglie in India utilizzano lo stesso canale per inviare denaro agli studenti all’estero.

Avere la diaspora più grande del mondo – e più di 100 miliardi di dollari in flussi di denaro a doppio senso lo scorso anno – non è l’unica cosa. Il disastroso divieto imposto dal primo ministro Narendra Modi all’86 per cento della valuta del Paese nel novembre 2016 ha scosso la fiducia degli indiani nel denaro fiat. A ciò si aggiunga la paura di lasciare denaro di riserva nelle banche quando tre importanti istituti di deposito sono crollati negli ultimi 15 mesi. Non c’è da stupirsi che l’Arcano si aspetti che i volumi criptati indiani superino quelli della Cina.

Anche l’industria nazionale della gestione patrimoniale sta aiutando l’adozione del cripto – per la sua incompetenza. La maggior parte dei gestori di fondi a larga capitalizzazione ha faticato a superare i propri benchmark, soprattutto negli ultimi anni. L’indice Nifty 50 è tornato solo il 2% circa all’anno in termini di dollari nell’ultimo decennio. Eppure, come hanno dimostrato Gaurav Patankar e Morgan Barna di Bloomberg Intelligence, la mancanza di performance non ha impedito ai manager di intascare commissioni elevate.

I giovani risparmiatori più giovani e scontenti ne stanno prendendo atto, e stanno inzuppando le dita dei piedi nei fondi scambiati negli Stati Uniti. All’1%, l’allocazione internazionale è ancora esigua, dicono gli analisti di Bloomberg Intelligence, ma sta crescendo rapidamente. Lo stesso vale per il cripto-investimento, anche se tenere un asset digitale altamente volatile nel lungo termine non è da deboli di cuore. Solo 600 degli 1,2 milioni di clienti di Unocoin hanno iniziato un piano di acquisto sistematico per investire (per lo più) in Bitcoin. Ma il 99,5 per cento di loro sono seduti sul profitto, e devono vantarsene con i loro amici.

C’è un solo smorzatore: la regolamentazione. Nessuno vuole un ritorno al 2018, quando la Reserve Bank, l’autorità monetaria, ha ordinato alle banche di non intrattenere i clienti che trattano in valuta virtuale. L’approccio draconiano ha quasi strangolato la rivoluzione indiana a catena di blocco. L’azione contro il chiosco di Unocoin a Bangalore è stata come la mano pesante dello Stato che si è schiantata su un chiosco di limonate per bambini. Se la gente nella capitale indiana della tecnologia non poteva pagare in contanti per acquistare gettoni digitali, allora il bene era stato effettivamente vietato a livello nazionale.

Con il senno di poi, il calvario dei fondatori con la polizia si è rivelato una benedizione sotto mentite spoglie. I giovani imprenditori si sono uniti, si sono rivolti alla Corte Suprema di Nuova Delhi e hanno fatto dichiarare incostituzionale la direzione della RBI verso le banche. Questo a marzo. La borsa ha già visto un salto di cinque volte nel trading, con una media di 150.000 dollari al giorno, da 30.000 dollari prima del verdetto della corte. Di recente, il trading è molto più alto, grazie al rally dei prezzi Bitcoin. Le borse più grandi come CoinDCX stavano assistendo a volumi giornalieri di quasi 700.000 dollari al giorno, quando ho controllato l’ultima volta.

I giocatori stanno esortando il governo a portare i beni digitali sotto l’attuale legge sul riciclaggio di denaro, che darà legittimità all’industria. Il passo successivo sarebbe quello di regolamentare i gettoni come denaro o titoli, a seconda del loro utilizzo.

La burocrazia flemmatica dell’India potrebbe chiedersi se questa sia tutta una mania. Forse no. Non è nemmeno un caso unico per i consumatori indiani di Millennial and Generation Z. Strizzare l’industria bancaria globale dalle tasse esorbitanti, e mettere più potere d’acquisto in